copertina di Quotidiano scolpito. La vita sensibile degli oggetti
dal 20 giu al 28 lug 2024
@ Raccolta Lercaro

Quotidiano scolpito. La vita sensibile degli oggetti

mostra a cura di Marinella Paderni e Collettivo Hidea (Giulia Capriglia, Maria Rosa Cuccitto, Sara Perni, Ludovica Pescarolo, Martina Scribani)

Opere di
Michelangelo Bianchini, Lorena Bucur, Agnese Caleffi, Mattia Cavallini Bonello, Elio Secondo, Chiara Innocenti Sedili, Giacomo Mallardo, Giovanni Manfreda, Massa Omar, Lucia Letizia Perrillo, Luna Prandi, Giorgia Polverini, Syria Roveto, Cristina Russo 

Mostra a cura di
Marinella Paderni e Collettivo Hidea 
(Giulia Capriglia, Maria Rosa Cuccitto, Sara Perni, Ludovica Pescarolo, Martina Scribani)

 

Quotidiano scolpito. La vita sensibile degli oggetti è un progetto pensato per la decima edizione di Opentour che vede la collaborazione della Raccolta Lercaro con l’Accademia di Belle Arti di Bologna.  La mostra, pensata per lo spazio espositivo della project room, è una collettiva che presenta quattordici opere inedite, per la maggior parte realizzate appositamente per lo spazio museale dagli studenti e dalle studentesse dei corsi triennale e biennale di Scultura. Il progetto è una collaborazione inedita che vede coinvolte nel ruolo di curatrici cinque studentesse del biennio magistrale in Didattica e mediazione culturale del patrimonio artistico (il Collettivo Hidea), insieme alla prof.ssa Marinella Paderni, loro docente di curatela.
La mostra Quotidiano scolpito. La vita sensibile degli oggetti è il risultato finale di un incontro tra l’opera d’arte e la sua esposizione nello spazio pubblico e di un dialogo nuovo sul fare arte sorto tra i giovani artisti e le giovani curatrici all’interno delle aule dell’Accademia. Grazie a una serie di studio visit organizzati dalle docenti di curatela e di scultura durante l’anno accademico, le studentesse-curatrici hanno potuto seguire la genesi del lavoro di ciascun studente-artista e partecipare alla “vita sensibile” di un’idea che nel tempo si trasforma in oggetto, in opera d’arte. Un processo, questo, che solitamente non è visibile allo sguardo esterno e che rimane privato fino a quando l’artista non decide di esporre l’opera finale. In questo caso, invece, il lavoro di produzione è stato accompagnato dagli incontri, dalle parole e dai confronti tra artiste, artisti e curatrici arricchendosi nel tempo anche dello sguardo esterno, altrui, sottilmente intra-visibile nella progettazione della mostra da parte delle curatrici. Con il titolo Quotidiano scolpito. La vita sensibile degli oggetti la mostra intende esplorare le direzioni della giovane scultura di oggi, quelle ricerche che fuoriescono dai confini tradizionali della matericità dell’opera scultorea per indagare la materialità e la presenza degli oggetti nel processo artistico. 
Gli oggetti che ci circondano hanno delle intenzionalità che vanno oltre la funzione primaria per cui sono stati progettati. Hanno una “vita dentro”, pongono delle domande che riflettono le nostre stesse richieste verso di loro. Gli oggetti rivelano qualità sensibili, invitano a interrogarsi, invitano a ri-guardarli con poesia e affetto al di fuori dalla logica materialistica. Le quattordici opere esposte rivelano come il quotidiano oggi sia ‘scolpito’ dalla relazione con oggetti diventati sensibili, che sospendono il senso d’ovvietà che gli viene attribuito - e che spesso li trasforma in pure merci destinate al consumo prima e all’oblio poi - rimettendo così in gioco la centralità dell’essere soggetti singolari della loro e nostra identità.


Inaugurazione giovedì 20 giugno 2024, ore 17.00
In occasione della giornata inaugurale, giovedì 20 giugno la mostra rimane aperta ad orario continuato dalle 15.00 alle 23.00

Orari apertura museo: martedì e mercoledì 15.00-19.00; giovedì, venerdì, sabato e domenica 10.00-13.00 / 15.00-19.00

Ingresso libero

Informazioni: segreteria@raccoltalercaro.it

www.fondazionelercaro.it/raccolta-lercaro

www.facebook.com/raccoltalercarobo