Il ritorno di Apollo. Canova e Bologna

racconto di 10 minuti
Piazza Maggiore

Un racconto di 10 minuti sul palco di Piazza Maggiore, che precede il film della rassegna Sotto le stelle del cinema a cura di Fondazione Cineteca.
Con Antonella Mampieri, Musei Civici d’Arte Antica.

174 anni sotto mentite spoglie fino all’attribuzione definitiva: è il periodo di tempo trascorso da quando si persero le tracce, nel 1839, dell’Apollino, opera giovanile di Antonio Canova, riscoperta in anni recenti da Antonella Mampieri nelle Collezioni Comunali d’Arte di Bologna, dove la statua in marmo è in realtà sempre stata ma attribuita al bolognese Cincinnato Baruzzi, allievo prediletto del grande maestro. La scultura, che appartiene alla produzione più alta di Canova, era stata particolarmente amata da colui che l’aveva creata e ricordata nelle sue memorie autografe come opera di grande valore.

Un breve racconto visivo ci aiuta a conoscere meglio questo capolavoro che si può ammirare nella magnifica Sala Boschereccia delle Collezioni Comunali d’Arte.


Image:

Collezioni Comunali d'Arte, Sala Boschereccia, soffitto